Ultima modifica: 4 marzo 2018

Progetto “STEM’s Revolution”

Accompagnare la scuola alla sfida dell’innovazione

Portare la scuola nell’era digitale non è solo una sfida tecnologica. È una sfida organizzativa, culturale, pedagogica, sociale e generazionale.

Il Piano Nazionale Scuola Digitale prevede una strategia di accompagnamento chiara e ambiziosa su diversi livelli; uno tra questi è creare accordi con il mondo esterno alla scuola e all’amministrazione per stimolare la creazione di un vero “Stakeholders’ Club” per la scuola digitale (Azione #30).

Questo strumento prevede due modelli di gestione complementari, uno per gli “approcci innovativi”, un altro per le collaborazioni che si sviluppano intorno ad un obiettivo. La gestione degli “approcci innovativi” intende intensificare il numero di collaborazioni di sperimentazione che il MIUR sviluppa con imprese ed enti di ricerca, utilizzando le scuole come “test bed (banco di prova)naturale. Gli accordi “a obiettivo” sono caratterizzati dalla condivisione da parte dei partner di uno o più specifici obiettivi del PNSD (ad esempio, la promozione di nuovi ambienti di apprendimento attraverso tecnologie digitali, la costruzione di laboratori per la creatività, soluzioni per la digitalizzazione dell’amministrazione scolastica o della didattica, etc). Imprese, enti o fondazioni e altri partner privati diventano così attori del processo di attuazione della politica nazionale sull’innovazione tecnologica della Scuola.

Il nostro Istituto ha raccolto la sfida partecipando al bando Fastweb4School  e MIUR con “protocolli in rete” ed ha ottenuto il finanziamento previsto con il progetto “STEM’s Revolution” (al seguente link è possibile vedere l’immagine interattiva dell’atelier creativo “CtrlG@telier” e la mappa dei “digital corner” che verranno creati nelle scuola secondaria e nella scuola primaria di Frigole https://www.thinglink.com/scene/1012060970106748930)

Link vai su